Dermatite atopica - che cos'è (foto), come trattarla? Droghe e dieta

Quando compare un'eruzione cutanea, deve essere escluso lo sviluppo di una malattia grave, la dermatite atopica. Il processo di formazione dell'atopia cutanea è un po 'più complicato della solita reazione allergica, pertanto, il trattamento della malattia dovrebbe essere preso più seriamente al fine di evitare spiacevoli difetti estetici e gravi complicanze.

Transizione rapida sulla pagina

Dermatite atopica - che cos'è questa malattia?

Cos'è? La dermatite atopica è una malattia di lunga durata che appartiene al gruppo di dermatiti allergiche. Questa patologia è caratterizzata da:

  • Predisposizione ereditaria: il rischio di sviluppare un'atopia raggiunge l'80% nei bambini i cui genitori soffrono di dermatite atopica o altre malattie allergiche;
  • La comparsa dei primi segni nella prima infanzia (nel 75% dei casi);
  • Corso ricorrente con esacerbazioni in inverno;
  • Quadro clinico specifico in diversi periodi di età;
  • Cambiamenti nei parametri del sangue immunologico.

La dermatite atopica si manifesta più chiaramente nei bambini ed è quasi sempre associata alla ri-sensibilizzazione (contatto con un allergene). Casi frequenti di insorgenza del recupero clinico.

Con l'età, i sintomi della malattia cambiano un po ', ma possono causare a una persona un serio disagio psicologico.

Cause e stadi di sviluppo della dermatite atopica

dermatite atopica - foto

una delle manifestazioni della malattia nei bambini

Sebbene inizialmente la dermatite atopica sia associata alla sensibilizzazione del corpo al cibo, agli allergeni chimici e ai microrganismi (funghi, acari della polvere), le esacerbazioni successive potrebbero non essere associate a contatto allergenico. Inoltre, un ruolo importante nello sviluppo dell'atopia è giocato dal fallimento del tratto digestivo: la malattia spesso procede sullo sfondo della disbiosi intestinale, della discinesia biliare e di altre patologie gastrointestinali.

Cause della dermatite atopica (le sue esacerbazioni) negli adulti:

  • Stress e depressione,
  • Cattive abitudini (fumo, alcool),
  • Avvelenamento con varie tossine ambientali,
  • Disturbi ormonali (compresa la gravidanza nelle donne),
  • Malnutrizione,
  • Infezioni gravi e disordini immunitari.

La dermatite atopica è solitamente divisa in diverse fasi di età. La ragione di ciò è un quadro sintomatico completamente diverso dell'atopia in pazienti di età diverse.

  1. Fase 1 (atopia infantile) - all'età di 2 mesi - 2 anni di essudazione (pianto) e una pronunciata reazione infiammatoria vengono alla ribalta.
  2. Stadio 2 (dermatite atopica nei bambini 2-10 anni) - prima dell'inizio della pubertà del bambino, l'atopia si manifesta con l'aumentare della secchezza della pelle e l'aspetto periodico di un'eruzione papulare.
  3. Stadio 3 (atopia negli adulti) - le esacerbazioni sono meno dipendenti dal contatto con gli allergeni, i cambiamenti morfologici (lichenificazione) si verificano nella pelle.

È importante! - Dermatite atopica, molti esperti identificano con diffusa dermatite atopica. Sebbene le manifestazioni cliniche della dermatite atopica e della dermatite atopica nell'adolescenza e negli anziani siano quasi identiche, il processo di formazione della malattia stessa è alquanto diverso.

Le tattiche di trattamento tengono sempre in considerazione la natura delle manifestazioni cutanee e i dati di laboratorio sulla composizione del sangue.

Sintomi e segni di dermatite atopica

I sintomi della dermatite atopica differiscono notevolmente a seconda dell'età del paziente e determinano le principali misure terapeutiche.

Neurodermite infantile

foto di dermatite atopica nei neonati

Un bambino malato assomiglia a questo: arrossamento delle guance e della fronte (diatesi), dermatite da pannolino nelle pieghe della pelle. sullo sfondo di gonfiore e grave iperemia, si formano foci di macerazione (ammollo). Caratterizzato anche dalla presenza di croste di latte nella parte pelosa della testa del bambino.

Grave prurito provoca ansia per il bambino, graffi e suppurazione di crepe, aumento dopo le procedure dell'acqua. Il bambino è cattivo, non dorme bene. Spesso diagnosticato con candidosi (mughetto) della cavità orale, che è ancora più snervante del bambino, fino al rifiuto del cibo.

Atopia pediatrica

Gli elementi piangenti cessano di apparire con l'età. La pelle diventa gradualmente sempre più secca, traballante. Papule pruriginose (piccole bolle) e crepe compaiono dietro le orecchie, sul collo, sotto il ginocchio, nella zona della caviglia e sulla pelle delicata dell'avambraccio.

La dermatite atopica sul viso dà un quadro caratteristico: una faccia di colore grigio, una piega addensata sulla palpebra inferiore e occhiaie sotto gli occhi, lesioni depigmentate (chiarificate) sulle guance, sul collo, sul petto.

Spesso, sullo sfondo dell'atopia, un bambino sviluppa asma bronchiale e altre gravi condizioni allergiche (angioedema, incluso).

Dermatite atopica adulta

dermatite atopica negli adulti

Nei pazienti adulti, le recidive si verificano meno frequentemente, il quadro clinico è meno pronunciato. Spesso il paziente rileva la presenza costante di lesioni patologiche sulla pelle. Allo stesso tempo, i segni di lichenizzazione sono più pronunciati: ispessimento focale della pelle, un pattern distinto della pelle, peeling massiccio.

I focolai patologici sono localizzati sulle braccia, sul viso e sul collo (pieghe più spesse si formano sulla sua superficie anteriore). Sui palmi (meno spesso - le suole) il piegamento pronunciato (iperlinearità) è chiaramente visibile.

Il prurito con dermatite atopica cronica si manifesta anche con i minimi cambiamenti della pelle e aumenta con il sudore. La riduzione dell'immunità cutanea porta a frequenti infezioni fungine, stafilococciche ed erpetiche della pelle.

Nell'analisi del sangue del paziente in qualsiasi stadio della malattia, si registra eosinofilosi, una diminuzione del numero di linfociti T e un aumento reattivo dei linfociti B e degli anticorpi IgE. Allo stesso tempo, le variazioni degli indici immunologici non sono in alcun modo collegate alla gravità delle manifestazioni cliniche della dermatite atopica.

Trattamento della dermatite atopica - farmaci e dieta

Il dermatoallergologo si occupa della cura della dermatite atopica, ma spesso i pazienti necessitano di un consulto di un gastroenterologo e di un endocrinologo.

Lo schema di trattamento comprende l'identificazione e, se possibile, l'esclusione dell'allergene che ha provocato la reazione patologica (è particolarmente importante nella diagnosi dell'atopia nei bambini) e un effetto complesso sui sintomi della malattia e cambiamenti patologici nel corpo.

Il corso di preparazione include:

  1. Antistaminici - allevia perfettamente prurito Tavegil, Allertek, Claritin, Zodak. Per il trattamento della dermatite atopica negli adulti, le antigistamine di ultima generazione sono più adatte (Erius, Lordes, Aleron) - non causano sonnolenza.
  2. Immunocorrettori - preparazioni di timo (Timalin, Taktivin), correttori B (metiluracile, istarlobulina), stabilizzatori di membrana (Intal, Ketotifen, Erespal).
  3. Lenitivo - infusioni di valeriana e motherwort, neurolettici (Azaleptin), antidepressivi (Amitriptyline) e tranquillanti (Nozepam) in piccoli dohaha e solo adulti.
  4. Funzioni digestive del tratto gastrointestinale - probiotici (i migliori - Bififormi), coleretici (Allohol), agenti fermentativi (Mezim forte, Pancreatina).
  5. Vitamine e complessi minerali - è necessario riempire la mancanza di zinco nel corpo, Vit. I gruppi C e B devono essere assunti con cautela (può aggravare la reazione allergica).

Trattamento locale:

  • Antisettici (furatsilin, acido borico) - con elementi trasudanti, sono proibite soluzioni contenenti alcol (pelle secca);
  • Unguenti anti-infiammatori e antifungini (Akriderm, Methyluratsilovaya, Lorinden C) - con i focolai apparenti di suppurazione, l'adesione di un'infezione fungina;
  • Emollienti (A-Derma, Emolium, Lipikar) - sono necessari per la dermatite atopica (gli emollienti che idratano efficacemente la pelle dovrebbero essere utilizzati anche durante la remissione);
  • Unguenti ai corticosteroidi (Triderm, Hydrocortisone, Prednisolone) - con sintomi vividi e nessun effetto da altri mezzi (l'uso a lungo termine di creme ormonali per la dermatite atopica non è raccomandato);
  • Fisioterapia - Terapia PUVA - l'uso del farmaco Psoloren e la successiva irradiazione con raggi ultravioletti forniscono un eccellente effetto curativo anche con dermatite atopica grave.

Nutrizione dietetica per dermatite atopica

La nutrizione dietetica è necessaria per ottenere una pronta guarigione. Una dieta con dermatite atopica esclude dal menu tutti i prodotti allergenici condizionali (uova, pesce grasso, noci, carni affumicate e salate, cioccolato, agrumi), prodotti semilavorati e prodotti finiti contenenti coloranti chimici e conservanti.

Vale la pena evitare l'uso di farina d'avena e legumi. Questi prodotti contengono nichel che aggrava la dermatite atopica.

Con l'atopia della pelle, mele verdi, carne magra, cereali (in particolare grano saraceno e orzo), i cavoli hanno un effetto benefico sul corpo. Il rispetto della dieta, specialmente durante l'infanzia, impedirà lo sviluppo di esacerbazioni della dermatite atopica.

Prognosi del trattamento

Essendo apparso per la prima volta nell'infanzia, la dermatite atopica può gradualmente scomparire. Il recupero clinico è accertato in assenza di recidive per 3 anni con malattia lieve, 7 anni - con forme severe di atopia.

Tuttavia, nel 40% dei pazienti, la malattia si manifesta periodicamente in età avanzata. Nello stesso momento nel 17% di pazienti ha registrato complicazioni: crepe di labbra, piodermiya, herpes periodico.

Cause e meccanismo di sviluppo della dermatite atopica

La dermatite atopica è una delle più comuni malattie della pelle, e circa il 15% della popolazione mondiale ne soffre. La maggior parte dei pazienti sono bambini di età inferiore a 1 anno, ma la malattia si verifica tra i bambini più grandi e negli adulti. Diamo uno sguardo più da vicino, quali sono le cause principali della dermatite atopica, quali sintomi dovrei prestare attenzione e come evitare questo problema.

Cause di

La dermatite atopica è una malattia non contagiosa che ha una natura allergica e deriva dagli effetti sul corpo di vari stimoli. Il termine "atopico" significa "alieno", "insolito".

Le cause della dermatite atopica sono ancora in fase di studio da parte dei dermatologi. Ci sono diverse teorie, di cui le più probabili sono le seguenti:

  1. Teoria della Genesi allergica.
  2. Teoria genetica.
  3. Teoria dell'immunità cellulare compromessa.

Diamo uno sguardo più da vicino a ciascuna di queste versioni.

Teoria della Genesi allergica

Il corpo di alcune persone ha dalla nascita un'alta sensibilità (sensibilizzazione) a certi allergeni. E nei bambini piccoli, si sviluppa in relazione ai prodotti alimentari e negli adulti - agli irritanti domestici: polline, polvere, peli di animali.

Di conseguenza, una quantità maggiore di immunoglobuline E (Ig E) viene prodotta nel siero, che è responsabile del lancio di tutte le forze immunitarie del corpo. Maggiore è la concentrazione di Ig E, più intensa è la manifestazione dei sintomi della malattia.

Teoria genetica della dermatite atopica

Si noti che se la madre o il padre del bambino soffre di malattie allergiche, il bambino erediterà questa caratteristica con una probabilità dal 15 al 35%. Se entrambi i genitori sono soggetti a allergie, il rischio di ammalarsi aumenta al 70%.

Nel 60% dei casi, la patologia viene trasmessa attraverso la linea femminile, motivo per cui le ragazze sono molto più malate dei ragazzi. Questa teoria ci permette di prevedere i rischi della comparsa di segni di dermatite atopica in un bambino dopo aver esaminato i genitori e i parenti stretti, che è importante per la prevenzione della malattia.

Teoria dell'immunità cellulare compromessa

Secondo questo concetto, la dermatite atopica è il risultato di una ripartizione immunitaria nel corpo.

Le cause del fenomeno non sono completamente chiare, ma alcuni scienziati ritengono che l'ereditarietà abbia un ruolo importante, così come un numero crescente di sostanze chimiche che una persona deve contattare nella vita di tutti i giorni.

Di conseguenza, il sistema immunitario diventa ipersensibile e reagisce in modo aggressivo a vari stimoli: cibo, polline, aerosol, fumo di sigaretta. Il risultato è la manifestazione di malattie allergiche, inclusa la pelle.

sintomi

A seconda dell'età del paziente ci sono tre forme di dermatite atopica. Ognuno ha i suoi sintomi distintivi.

  1. Neonato (dalla nascita a 2 anni). La pelle del viso si arrossa, si gonfia, compare un'eruzione cutanea, accompagnata da un forte prurito. Quando si formano graffi si formano zone umide che vengono successivamente ricoperte di croste.
  2. Bambini (da 2 a 7 anni). L'eruzione cutanea è localizzata dietro le orecchie, sulle mani, sui gomiti e sulle pieghe poplitee. La pelle nelle aree colpite viene compattata, acquisendo una tinta marrone, scaglie, formando crepe. C'è una maggiore pigmentazione dell'area intorno agli occhi e la formazione di piccole rughe sulle palpebre.
  3. Adolescente-adulto (dai 7 ai 18 anni). Le aree lichenoidi (compattate a secco) situate su viso, collo, petto, parte superiore della schiena e gambe prevalgono. In questi luoghi, la pelle è ispessita, ha uno schema pronunciato, appaiono delle crepe sui palmi e sui piedi, le unghie sono deformate. Il prurito non è molto pronunciato.

Ogni categoria di età è caratterizzata da un decorso ondulatorio della malattia - una forte esacerbazione viene sostituita da periodi di remissione. Molto spesso, la dermatite atopica nei pazienti appare nella stagione fredda.

palcoscenico

La dermatite atopica è definita dai medici come una grave malattia dermatologica difficile da trattare. Pertanto, è molto importante diagnosticare in tempo e iniziare la terapia appropriata. In base al grado di sviluppo, si distinguono queste fasi della malattia:

  • Elementare. Il bambino ha arrossamento delle guance, gonfiore, piccole eruzioni cutanee, peeling. Il trattamento iniziato durante questo periodo porta ad una completa liberazione dalla malattia.
  • Acuta. Appare l'eruzione; secchezza, desquamazione e aumento del rossore. Crepe di pelle secca. Le croste cominciano a formarsi.
  • Cronica. Le aree colpite aumentano, la pelle su di loro è compattata, appaiono i fuochi piangenti.
  • Remissione. Tutti i sintomi diminuiscono o scompaiono del tutto. Il palco può durare da diverse settimane a diversi anni.

Se non ci sono segni di dermatite atopica in un paziente per 5-7 anni, allora stiamo parlando di recupero clinico.

Per evitare il peggioramento, è necessario seguire una dieta ipoallergenica ed evitare il contatto con sostanze irritanti.

Fattori di rischio

Oltre alle principali cause della dermatite atopica, i medici identificano diversi fattori predisponenti che possono aumentare significativamente il rischio di malattia. Questi includono i seguenti:

  • malattie dell'apparato digerente: gastrite, colite, dysbacteriosis;
  • infestazione da vermi;
  • stress psico-emotivo, stress, sovreccitazione nervosa;
  • condizioni ambientali sfavorevoli: aumento della radioattività, contaminazione del gas, emissioni industriali, intenso campo elettromagnetico;
  • fumare nella stanza in cui si trova il bambino;
  • malattie infettive che riducono l'immunità;
  • allergeni da contatto (detersivi in ​​polvere, indumenti sintetici, creme con fragranze, deodoranti, polvere domestica);
  • sostanze irritanti per alimenti contenenti conservanti, coloranti, emulsionanti e altri additivi "chimici".

Insieme al latte materno, il bambino riceve gli anticorpi necessari per resistere alle infezioni. È stato notato che i bambini artificiali soffrono di dermatite atopica molte volte più spesso di quelli che stanno allattando al seno.

Conseguenze della dermatite atopica

Poiché la malattia è di natura genetica, è molto difficile liberarsene completamente. Tuttavia, il trattamento iniziato nelle prime fasi aumenta la probabilità di periodi prolungati di remissione e di recupero completo.

La forma più grave di dermatite atopica è influenzata dai bambini piccoli. Negli anni scolastici, i sintomi della malattia appaiono meno pronunciati e durante la pubertà, in mezzo a cambiamenti ormonali nel corpo, possono scomparire per sempre.

In assenza di una terapia adeguata, le esacerbazioni della dermatite atopica diventano più frequenti e i periodi di remissione sono notevolmente ridotti. Inoltre, il problema può essere complicato da asma bronchiale, rinite allergica.

Anche una malattia guarita può tornare dopo un periodo in cui viene a contatto con alimenti, agenti chimici o altri agenti irritanti. Pertanto, le persone che hanno sofferto di dermatite atopica durante l'infanzia non sono raccomandate per scegliere professioni relative ad animali, polvere, piante, detergenti, vernici e vernici e altri allergeni.

La prevenzione, che consiste nel rifiuto delle cattive abitudini, nel mantenere uno stile di vita sano, la tranquillità e l'aderenza a una dieta ipoallergenica, aiuterà a dimenticare la dermatite atopica ea mantenere la salute per molti anni.

Dermatite atopica - le sue manifestazioni e principi di trattamento

Il termine "atopia" si riferisce a una suscettibilità geneticamente determinata a un numero di malattie allergiche e alla loro combinazione che si manifesta in risposta al contatto con alcuni allergeni dell'ambiente esterno. Tali malattie includono la dermatite atopica cronica, chiamata anche sindrome da eczema / dermatite atopica e eczema atopico.

La dermatite atopica è una malattia infiammatoria cutanea atopica cronica che si sviluppa prevalentemente dalla prima infanzia e si manifesta con esacerbazioni in risposta a basse dosi di stimoli e allergeni specifici e non specifici, caratterizzate da caratteristiche di età della localizzazione e natura delle lesioni, accompagnate da prurito pronunciato della pelle e che portano la persona a emotivo e disadattamento fisico.

Cause della dermatite atopica

La dermatite atopica si sviluppa nell'80% dei bambini la cui madre e padre soffrono di questa malattia; se solo uno dei genitori ha il 56%; in presenza della malattia in uno dei genitori, e il secondo ha una patologia degli organi respiratori di un'eziologia allergica - quasi il 60%.

Alcuni autori tendono a credere che la predisposizione allergica sia una conseguenza di un complesso di vari disordini genetici. Ad esempio, è stata dimostrata l'importanza dell'insufficienza congenita del sistema enzimatico del tubo digerente, che porta a una scomposizione inadeguata dei prodotti in entrata. La motilità intestinale alterata e la cistifellea, lo sviluppo di disbatteriosi, graffi e danni meccanici all'epidermide contribuiscono alla formazione di autoantigeni e autosensibilizzazione.

Il risultato di tutto questo è:

  • assimilazione di componenti alimentari, inusuale per il corpo;
  • la formazione di sostanze tossiche e antigeni;
  • disfunzione del sistema endocrino e immunitario, recettori del sistema nervoso centrale e periferico;
  • sviluppo di autoanticorpi con lo sviluppo del processo di autoaggressività e danno alle cellule del tessuto stesso del corpo, cioè si formano le immunoglobuline, che svolgono un ruolo importante nello sviluppo di una reazione allergica atopica di tipo immediato o ritardato.

Con l'età, l'importanza degli allergeni alimentari è sempre più ridotta al minimo. La lesione della pelle, diventando un processo cronico indipendente, acquisisce gradualmente un'indipendenza relativa dagli antigeni alimentari, i meccanismi di risposta cambiano e l'esacerbazione della dermatite atopica si verifica già sotto l'influenza di:

  • allergeni domestici - polvere domestica, profumi, prodotti sanitari per la casa;
  • allergeni chimici - saponi, profumi, cosmetici;
  • irritanti fisici della pelle - lana grezza o tessuto sintetico;
  • allergeni virali, fungini e batterici, ecc.

Un'altra teoria è basata sull'assunzione di tali caratteristiche congenite della struttura cutanea come il contenuto insufficiente della proteina strutturale filaggrina, che interagisce con le cheratine e altre proteine, nonché una diminuzione della sintesi lipidica. Per questo motivo, la formazione della barriera epidermica viene disturbata, il che porta alla facile penetrazione di allergeni e agenti infettivi attraverso lo strato epidermico. Inoltre, è prevista anche una propensione genetica per la sintesi eccessiva di immunoglobuline responsabili di reazioni allergiche di tipo immediato.

La dermatite atopica negli adulti può essere una continuazione della malattia fin dall'infanzia, la manifestazione tardiva è nascosta (latente, senza sintomi clinici) della malattia o la realizzazione tardiva di una patologia geneticamente determinata (quasi il 50% dei pazienti adulti).

Le recidive della malattia si verificano a seguito dell'interazione di fattori genetici e provocatori. Questi ultimi includono:

  • ecologia sfavorevole ed eccessiva secchezza dell'ambiente aereo;
  • disturbi endocrini, metabolici e immunitari;
  • malattie infettive acute e focolai di infezione cronica nel corpo;
  • complicanze del decorso della gravidanza e del periodo postpartum immediato, fumo durante la gravidanza;
  • stress psicologico a lungo termine e ripetitivo e condizioni stressanti, natura mutevole del lavoro, disturbi del sonno a lungo termine, ecc.

In molti pazienti, l'auto-trattamento della dermatite allergica con rimedi popolari, la maggior parte dei quali si basa su piante medicinali, porta ad una pronunciata esacerbazione. Questo perché vengono solitamente utilizzati senza tenere conto della fase e della prevalenza del processo, dell'età del paziente e della predisposizione allergica.

I componenti attivi di questi agenti, che hanno effetti antiprurito e anti-infiammatori, non vengono eliminati dagli elementi di accompagnamento, molti di loro hanno proprietà allergeniche o intolleranza individuale, contengono sostanze conciarie e essiccanti (invece dei necessari idratanti).

Inoltre, le preparazioni autoprodotte contengono spesso oli vegetali naturali grezzi e / o grassi animali che coprono i pori della pelle, il che porta a una reazione infiammatoria, infezione e suppurazione, ecc.

Pertanto, le teorie sulla causa genetica e il meccanismo immunitario dello sviluppo della dermatite atopica sono fondamentali. L'assunzione della presenza di altri meccanismi per la realizzazione della malattia per lungo tempo è stata oggetto di discussione.

Corso clinico

Non esiste una classificazione generalmente accettata della dermatite atopica e metodi oggettivi di laboratorio e strumentali per diagnosticare la malattia. La diagnosi si basa principalmente su manifestazioni cliniche - tipici cambiamenti morfologici nella pelle e la loro localizzazione.

A seconda dell'età, si distinguono le seguenti fasi della malattia:

  • bambino, sviluppando all'età di 1,5 mesi e fino a due anni; Tra tutti i pazienti con dermatite atopica, questa fase è del 75%;
  • bambini (in 2 - 10 anni) - fino al 20%;
  • adulto (dopo 18 anni) - circa il 5%; l'insorgenza della malattia è possibile prima dei 55 anni, soprattutto tra gli uomini, ma, di regola, questo è un aggravamento della malattia che ha avuto inizio nell'infanzia o nell'infanzia.

In accordo con il decorso clinico e le manifestazioni morfologiche emettono:

  1. La fase iniziale, che si sviluppa durante l'infanzia. Si manifesta con segni precoci come il rossore e il gonfiore della pelle delle guance e delle aree glutei, che sono accompagnati da un leggero peeling e dalla formazione di croste gialle. La metà dei bambini con dermatite atopica sulla testa, nell'area di una fontanella grande, forma squame di forfora grassa, come in seborrea.
  2. Stadio di esacerbazione, costituito da due fasi - manifestazioni cliniche pronunciate e moderate. È caratterizzato da un forte prurito, dalla presenza di eritema (arrossamento), piccole bolle con contenuto sieroso (vescicole), erosioni, croste, desquamazione, graffi.
  3. Una fase di remissione incompleta o completa, in cui i sintomi della malattia scompaiono, rispettivamente, parzialmente o completamente.
  4. Lo stadio del recupero clinico (!) È l'assenza di sintomi della malattia per 3-7 anni (a seconda della gravità del suo decorso).

La classificazione condizionale esistente include anche una stima della prevalenza e della gravità della malattia. La prevalenza della dermatite è determinata dall'area della lesione:

  • fino al 10% - dermatite limitata;
  • dal 10 al 50% - dermatite comune;
  • oltre il 50% - dermatite diffusa.

La gravità della dermatite atopica:

  1. Facile - Le lesioni cutanee sono localizzate, le recidive si verificano non più di 2 volte per 1 anno, la durata della remissione è di 8-10 mesi.
  2. Medio - dermatite comune, aggravata fino a 3-4 volte entro 1 anno, la remissione dura per 2-3 mesi. La natura del flusso è abbastanza testarda, difficile da correggere con i farmaci.
  3. Grave - la sconfitta della pelle si diffonde o si diffonde, portando spesso a una grave condizione generale. Il trattamento della dermatite atopica in questi casi richiede l'uso di una terapia intensiva. Il numero di riacutizzazioni durante 1 anno è fino a 5 e più con remissioni di 1-1,5 mesi o senza di loro.

La natura del decorso della dermatite atopica nelle donne in gravidanza non è prevedibile. A volte, sullo sfondo di una moderata depressione dell'immunità, si verifica un miglioramento (24-25%) o non ci sono cambiamenti (24%). Allo stesso tempo, il 60% delle donne in gravidanza peggiora, la maggior parte di esse - fino a 20 settimane. Il deterioramento si manifesta con alterazioni fisiologiche o patologiche metaboliche ed endocrine ed è accompagnato da cambiamenti nella pelle, nei capelli, nelle unghie.

Si presume inoltre che un aumento del livello di progesterone e di alcuni altri ormoni durante la gravidanza porti ad un aumento della sensibilità e del prurito della pelle. L'aumento della permeabilità vascolare, l'aumento della permeabilità della barriera lipidica cutanea nell'area del dorso delle mani e la superficie flessore dell'avambraccio, l'instabilità psicoemotiva, la gestosi della gravidanza, la disfunzione degli organi digestivi, che provocano il rallentamento dell'escrezione delle tossine.

I sintomi della dermatite atopica

È consuetudine distinguere tra sintomi maggiori (principali) e ausiliari (minori). La diagnosi di dermatite atopica richiede la presenza simultanea di tre sintomi principali e tre sintomi ausiliari.

I sintomi principali includono:

  1. La presenza di prurito della pelle, presente anche con manifestazioni cutanee minime.
  2. Il caratteristico quadro morfologico degli elementi e la loro localizzazione sul corpo sono aridità della pelle, localizzazione (spesso) in zone simmetriche su braccia e gambe nell'area della superficie flessoria delle articolazioni. In posti di sconfitta ci sono arrossamenti chiari e papular, coperti di scale. Sono anche posizionati sulle superfici di flessione delle articolazioni, sul viso, sul collo, sulle scapole, sulla cintura della spalla, così come sulle gambe e sulle braccia - sulla loro superficie esterna e nell'area della superficie esterna delle dita.
  3. La presenza di altre malattie allergiche nel paziente stesso o nei suoi parenti, ad esempio, l'asma bronchiale atopica (30-40%).
  4. Decorso cronico della malattia (con o senza ricadute).

Criteri ausiliari (più frequenti):

  • l'inizio della malattia in tenera età (fino a 2 anni);
  • lesioni cutanee purulente ed erpetiche fungine e frequenti;
  • reazioni positive al test degli allergeni, livelli ematici elevati di anticorpi comuni e specifici;
  • allergia a farmaci o / e alimenti che si verificano in un tipo immediato o ritardato (fino a 2 giorni);
  • Edema di Quincke, spesso rinite ricorrente e / o congiuntivite (80%).
  • disegno della pelle migliorato sui palmi e sui piedi;
  • macchie biancastre sul viso e sulla cintura della spalla;
  • eccessiva secchezza cutanea (xerosi) e desquamazione;
  • prurito della pelle con aumento della sudorazione;
  • reazione inadeguata dei vasi cutanei all'irritazione meccanica (dermografismo bianco);
  • cerchi periorbitali scuri;
  • cambiamenti eczematosi della pelle attorno ai capezzoli;
  • scarsa tolleranza dei prodotti di lana, sgrassaggio e altri agenti chimici e altri sintomi meno significativi.

Le caratteristiche degli adulti sono frequenti recidive di dermatite atopica sotto l'influenza di molti fattori esterni, moderata gravità e grave natura del decorso. La malattia può gradualmente andare in uno stadio di remissione più o meno prolungata, ma quasi sempre c'è una tendenza della pelle al prurito, un'eccessiva desquamazione e un'infiammazione.

La dermatite atopica del viso negli adulti è localizzata nella zona periorbitale, sulle labbra, nella zona delle ali del naso, sulle sopracciglia (con perdita di capelli). Inoltre, la localizzazione preferita della malattia - nelle pieghe naturali della pelle sul collo, sul dorso delle mani, dei piedi, delle dita delle mani e dei piedi e sulle superfici flessorie delle articolazioni.

I principali criteri diagnostici per le manifestazioni cutanee della malattia negli adulti:

  1. Grave prurito in aree localizzate.
  2. Ispessimento della pelle.
  3. Secchezza, desquamazione e pianto.
  4. Rafforzare l'immagine.
  5. Eruzioni papulari che alla fine si trasformano in placche.
  6. Esfoliazione della pelle localizzata significativa (negli anziani).

A differenza dei bambini, le esacerbazioni di solito si verificano dopo sovratensioni neuro-emotive e situazioni stressanti, esacerbazioni di altre malattie croniche e assunzione di farmaci.

Le lesioni cutanee sono spesso complicate da linfoadenite, in particolare inguinale, cervicale e ascellare, follicolite purulenta e foruncolosi, infezione cutanea con un virus herpetic e papillomavirus, un'infezione fungina. Sbiancando, ammorbidendo e allentando le labbra con la formazione di crepe trasversali (cheilite), congiuntivite, malattia parodontale e stomatite, pallore della pelle delle palpebre, naso e labbra (a causa di una violazione della contrattilità capillare), e spesso si sviluppa uno stato depressivo.

Con l'aumentare dell'età, le lesioni diventano locali, la pelle diventa spessa e ruvida, si scalda più forte.

Come trattare la dermatite atopica

Gli obiettivi del trattamento terapeutico sono:

  • massima riduzione della gravità dei sintomi;
  • assicurare un controllo a lungo termine sul decorso della malattia prevenendo le ricadute o riducendone la gravità;
  • cambiamento nel corso naturale del processo patologico.

Nei pazienti adulti con dermatite atopica, in contrasto con i bambini, viene sempre effettuato solo un trattamento complesso, basato sull'eliminazione o riduzione dell'effetto dei fattori provocatori, nonché sulla prevenzione e soppressione delle reazioni allergiche e dei processi infiammatori da esse provocati nella pelle. Include:

  1. Misure per eliminare, cioè per impedire al corpo di entrare e rimuovere da esso fattori di natura allergenica o non allergenica che aumentano l'infiammazione o causano l'esacerbazione della malattia. In particolare, la maggior parte dei pazienti deve assumere vitamine con cautela, in particolare i gruppi "C" e "B", che causano reazioni allergiche in molte persone. La conduzione preliminare di vari test diagnostici e altri studi sull'identificazione degli allergeni.
  2. Un'attenta cura medica e cosmetica mirava a migliorare la funzione barriera della pelle.
  3. L'uso della terapia antinfiammatoria esterna, che fornisce sollievo dal prurito, trattamento dell'infezione secondaria e ripristino dello strato epiteliale danneggiato.
  4. Trattamento di malattie concomitanti - focolai di infezione cronica nel corpo; rinite allergica e congiuntivite, asma bronchiale; malattie e disturbi della funzione dell'apparato digerente (in particolare del pancreas, del fegato e della cistifellea); complicanze della dermatite, ad esempio, disturbi neuropsichiatrici.

Di grande importanza è lo sfondo rispetto al quale il trattamento deve essere effettuato - questa è una dieta scelta individualmente per la dermatite atopica di natura di eliminazione. Si basa sull'esclusione di prodotti alimentari:

  • allergenici;
  • non allergeni per un particolare paziente, ma contenenti sostanze biologicamente attive (istamina) che provocano o intensificano reazioni allergiche - portatori di istamina; questi includono sostanze che fanno parte di fragole e fragole, soia e cacao, pomodori, nocciole;
  • capace di liberare l'istamina dalle cellule del tubo digerente (histaminoliberine) contenute nel succo degli agrumi, della crusca di frumento, dei chicchi di caffè, del latte di mucca.

Cura medica e cosmetica per la pelle è l'uso di una doccia quotidiana per 20 minuti con una temperatura dell'acqua di circa 37 ° in assenza di infezioni purulente o fungine, idratanti ed emollienti - un bagno d'olio con l'aggiunta di ingredienti idratanti, spray idratante cosmetico, lozione, unguento, crema. Hanno proprietà indifferenti e sono in grado di ridurre l'infiammazione e il prurito, a causa del mantenimento dell'umidità della pelle e della conservazione dei corticosteroidi in esso contenuti. Idratanti e unguenti in assenza di impregnazione) più efficacemente di uno spray e una lozione, contribuiscono al ripristino dello strato idrolipidico della pelle.

Come rimuovere il prurito della pelle, che spesso assume forme dolenti, soprattutto di notte? La base è costituita da antistaminici sistemici e topici, poiché l'istamina gioca un ruolo cruciale nello sviluppo di questa sensazione pesante. Con disturbi del sonno simultanei, gli antistaminici di prima generazione sono raccomandati sotto forma di iniezioni o compresse (Dimedrol, Suprastin, Clemastin, Tavegil), che hanno anche un moderato effetto sedativo.

Tuttavia, per la terapia di base a lungo termine, è più efficace e più conveniente (1 volta al giorno) trattare le reazioni allergiche locali e generali e il prurito (2a generazione) - Cetirizina, Loratadina o (meglio) i loro nuovi metaboliti derivati ​​- Levocetirizina, Desloratadina. Di antistaminici, Fenistil è anche ampiamente usato in gocce, capsule e sotto forma di un gel per uso esterno.

Il trattamento topico della dermatite atopica include anche l'uso di preparati sistemici e locali contenenti corticosteroidi (idrocorticoide, fluticasone, triamsinolone, clobetasolo) che hanno proprietà anti-allergiche, antiedemitiche, anti-infiammatorie e anti-pruriginose. Il loro svantaggio è la formazione di condizioni per lo sviluppo di infezioni secondarie (staphylococcal, fungine), nonché una controindicazione all'uso a lungo termine.

I rimedi di seconda linea (dopo i corticosteroidi) includono immunomodulatori non ormonali di effetti locali - inibitori della calcineurina (tacrolimus e pimecrolimus), che sopprimono la sintesi e il rilascio di citochine cellulari coinvolte nella formazione del processo infiammatorio. L'esposizione a questi farmaci aiuta a prevenire iperemia, edema e prurito.

Inoltre, secondo la testimonianza utilizzata farmaci anti-infiammatori non-ormonali, antibatterici, antifungini o combinazione. Uno degli agenti più popolari con proprietà anti-infiammatorie, idratanti e rigeneranti è Bepanten come un unguento o crema, nonché Bepanten Plus, che comprende inoltre la clorexidina antisettica.

È importante non solo eliminare i sintomi soggettivi, ma anche idratare attivamente e ammorbidire le aree colpite, nonché ripristinare la barriera epidermica danneggiata. Se non si riduce la secchezza della pelle, non è possibile eliminare graffi, crepe, infezioni e esacerbazione della malattia. I prodotti idratanti comprendono preparati contenenti urea, acido lattico, mucopolisaccaridi, acido ialuronico, glicerolo.

Gli emollienti sono vari emollienti. Emollienti con dermatite atopica sono i principali mezzi di influenza esterna, non solo sintomatica, ma anche patogeneticamente indirizzati alla malattia.

Sono vari grassi e sostanze simili a grassi che possono essere fissate nello strato corneo. Come risultato della sua occlusione, si verificano ritenzione di liquidi e idratazione naturale. Penetrando per 6 ore più profondamente nello strato corneo, reintegrano i lipidi in esso. Una di tali preparazioni è un'emulsione multicomponente (per bagni) e crema "Emolium P triactive", contenente:

  • oli di paraffina, oli di carite e di macadamia, che ripristinano il mantello idrolipidico sulla superficie della pelle;
  • acido ialuronico, glicerina e urea, che sono in grado di legare e trattenere l'acqua, ben idratando la pelle;
  • allantoina, mais e olio di colza, addolcendo e alleviando prurito e infiammazione.

L'approccio esistente alla scelta del metodo di trattamento della dermatite atopica è raccomandato dal consenso medico internazionale sulla dermatite atopica. Queste raccomandazioni tengono conto della gravità della malattia e si basano sul principio dei "passaggi":

  1. Stadio I, caratteristico solo della pelle secca: rimozione di sostanze irritanti, uso di idratanti ed emollienti.
  2. Stadio II - segni lievi o moderati di dermatite atopica - corticosteroidi locali con grado lieve o moderato di attività e / e farmaci inibitori della calcineurina.
  3. Stadio III - sintomi moderati o abbastanza pronunciati della malattia - corticosteroidi di medio e alto grado di attività fino a che non si arresta lo sviluppo del processo, dopo di che - inibitori della calcineurina.
  4. Stadio IV, che è una malattia grave che non è suscettibile agli effetti dei gruppi di farmaci di cui sopra - l'uso di immunosoppressori sistemici e la fototerapia.

La dermatite atopica in ogni persona è caratterizzata dalle caratteristiche del corso e dalla diagnosi e richiede un approccio individuale nella scelta del trattamento, tenendo conto della prevalenza, delle forme, dello stadio e della gravità della malattia.

Dermatite atopica Cause, tipi e sintomi

Cos'è la dermatite atopica?

La dermatite atopica è una malattia della pelle cronica geneticamente determinata. Le manifestazioni cliniche tipiche di questa patologia sono rash eczematoso, prurito e pelle secca.
Al momento, il problema della dermatite atopica è diventato di natura globale, perché l'aumento dell'incidenza negli ultimi decenni è aumentato più volte. Quindi, nei bambini al di sotto di un anno, la dermatite atopica è registrata nel 5% dei casi. Nella popolazione adulta, questo indicatore è leggermente inferiore e varia dall'1 al 2%.

Per la prima volta il termine "atopia" (che significa dal greco - un insolito, alieno) è stato proposto dallo studioso Kok. Comprendeva l'atopia come un gruppo di forme ereditarie di ipersensibilità di un organismo a varie influenze ambientali.
Oggi, il termine "atopia" si riferisce ad una forma ereditaria di allergia, che è caratterizzata dalla presenza di anticorpi IgE. Le ragioni per lo sviluppo di questo fenomeno non sono completamente chiare. I sinonimi di dermatite atopica sono eczema costituzionale, neurodermite costituzionale e périgo (o prurito) benje.

Statistiche sulla dermatite atopica

La dermatite atopica è una delle malattie più comunemente diagnosticate nella popolazione infantile. Tra le ragazze, questa malattia allergica si verifica 2 volte più spesso rispetto ai ragazzi. Vari studi in quest'area confermano il fatto che i residenti delle grandi città sono più sensibili alla dermatite atopica.

Tra i fattori che accompagnano lo sviluppo della dermatite atopica da bambini, l'ereditarietà è la più significativa. Quindi, se uno dei genitori soffre di questa malattia della pelle, la probabilità che il bambino abbia una diagnosi simile raggiunge il 50%. Se entrambi i genitori hanno una storia della malattia, le probabilità che il bambino nasca con dermatite atopica aumentino al 75%. I dati statistici suggeriscono che nel 90 percento dei casi questa malattia si verifica tra l'età di 1 anno e 5 anni. Molto spesso, in circa il 60% dei casi, la malattia debutta prima che il bambino raggiunga l'età di uno. Le prime manifestazioni di dermatite atopica in età più matura sono molto meno comuni.

La dermatite atopica si riferisce a malattie che si sono diffuse negli ultimi decenni. Pertanto, negli Stati Uniti d'America al momento, rispetto ai dati di venti anni fa, il numero di pazienti con dermatite atopica è raddoppiato. I dati ufficiali suggeriscono che oggi il 40% dell'intera popolazione del pianeta è alle prese con questa malattia.

Cause della dermatite atopica

Le cause della dermatite atopica e di molte malattie immunitarie rimangono inesplorate fino alla fine. Esistono diverse teorie sull'origine della dermatite atopica. Ad oggi, la più convincente è la teoria della genesi allergica, la teoria dell'immunità cellulare compromessa e la teoria ereditaria. Oltre alle cause dirette della dermatite atopica, ci sono anche fattori di rischio per questa malattia.

Le teorie dello sviluppo della dermatite atopica sono:

  • teoria della genesi allergica;
  • teoria genetica della dermatite atopica;
  • teoria dell'immunità cellulare compromessa.


Teoria della Genesi allergica

Questa teoria associa lo sviluppo della dermatite atopica alla sensibilizzazione congenita del corpo. La sensibilizzazione è la maggiore sensibilità di un organismo a determinati allergeni. Questo fenomeno è accompagnato da un aumento della secrezione di immunoglobuline di classe E (IgE). Più spesso, il corpo sviluppa una maggiore sensibilità agli allergeni alimentari, cioè ai prodotti alimentari. La sensibilizzazione alimentare è la più caratteristica dei neonati e dei bambini in età prescolare. Gli adulti, di regola, sviluppano sensibilizzazione agli allergeni domestici, pollini, virus e batteri. Il risultato di questa sensibilizzazione è un aumento della concentrazione sierica di anticorpi IgE e il lancio di risposte immunitarie nel corpo. Gli anticorpi di altre classi prendono parte alla patogenesi della dermatite atopica, ma sono le IgE che provocano fenomeni autoimmuni.

Il numero di immunoglobuline è correlato (correlato) con la gravità della malattia. Quindi, maggiore è la concentrazione di anticorpi, più pronunciato il quadro clinico della dermatite atopica. Mastociti, eosinofili, leucotrieni (rappresentanti dell'immunità cellulare) sono anche coinvolti nella violazione dei meccanismi immunitari.

Se nei bambini il meccanismo principale nello sviluppo della dermatite atopica è l'allergia alimentare, negli adulti gli allergeni del polline assumono grande importanza. L'allergia ai pollini degli adulti si riscontra nel 65% dei casi. In secondo luogo gli allergeni domestici (30%), in terzo luogo gli allergeni epidermici e fungini.

Frequenza di vari tipi di allergeni per dermatite atopica

25-30 percento

acaro Dermatophagoides pteronyssinus e farinae

14 e 10 percento

Teoria genetica della dermatite atopica

Teoria dell'immunità cellulare compromessa

Fattori di rischio per la dermatite atopica

Questi fattori aumentano significativamente il rischio di sviluppare la dermatite atopica. Inoltre influenzano la gravità e la durata della malattia. Spesso, la presenza di un fattore di rischio è il meccanismo che ritarda la remissione della dermatite atopica. Ad esempio, la patologia del tratto gastrointestinale in un bambino può ritardare il recupero per un lungo periodo di tempo. Una situazione simile si osserva negli adulti durante lo stress. Lo stress è un potente fattore stressante che non solo previene il recupero, ma aggrava anche il decorso della malattia.

I fattori di rischio per la dermatite atopica sono:

  • patologia del tratto gastrointestinale;
  • alimentazione artificiale;
  • lo stress;
  • povero ambiente ecologico.
Patologia del tratto gastrointestinale (GIT)
È noto che il sistema intestinale umano svolge una funzione protettiva del corpo. Questa funzione è realizzata grazie all'abbondante sistema linfatico dell'intestino, la flora intestinale e le cellule immunocompetenti che contiene. Un sano sistema gastrointestinale garantisce la neutralizzazione dei batteri patogeni e la loro eliminazione dal corpo. Nei vasi linfatici dell'intestino c'è anche un gran numero di cellule immunitarie, che al momento necessario resistono alle infezioni. Quindi, l'intestino è una sorta di collegamento nella catena di immunità. Pertanto, quando ci sono varie patologie a livello del tratto intestinale, questo si riflette principalmente nel sistema immunitario umano. Prova di ciò è il fatto che oltre il 90 per cento dei bambini con dermatite atopica hanno varie patologie funzionali e organiche del tratto gastrointestinale.

Le malattie del tratto gastrointestinale, che più spesso accompagnano la dermatite atopica, includono:

  • gozzo;
  • gastroduodenite;
  • pancreatite;
  • discinesia biliare.
Queste e molte altre patologie riducono la funzione barriera dell'intestino e innescano lo sviluppo della dermatite atopica.

Alimentazione artificiale
La transizione prematura a miscele artificiali e l'introduzione precoce di alimenti complementari sono anche fattori di rischio per la dermatite atopica. Si ritiene che l'allattamento al seno naturale riduca più volte il rischio di dermatite atopica. La ragione di ciò è che le immunoglobuline della madre sono contenute nel latte materno. In futuro, insieme al latte, entrano nel corpo del bambino e gli forniscono la formazione dell'immunità per la prima volta. Le immunoglobuline del corpo del bambino cominciano a essere sintetizzate molto più tardi. Pertanto, nelle prime fasi della vita, l'immunità al bambino è fornita dalle immunoglobuline del latte materno. Il fallimento prematuro dell'allattamento al seno indebolisce il sistema immunitario del bambino. Ciò si traduce in numerose anomalie nel sistema immunitario, che aumenta più volte il rischio di sviluppare la dermatite atopica.

stress
I fattori psico-emotivi possono provocare una esacerbazione della dermatite atopica. L'influenza di questi fattori riflette la teoria neuro-allergica dello sviluppo della dermatite atopica. Oggi si ritiene che la dermatite atopica non sia tanto una malattia della pelle quanto quella psicosomatica. Ciò significa che il sistema nervoso svolge un ruolo cruciale nello sviluppo di questa malattia. Ciò è confermato dal fatto che gli antidepressivi e altri farmaci psicotropi sono utilizzati con successo nel trattamento della dermatite atopica.

Povero ambiente ecologico
Questo fattore di rischio negli ultimi decenni sta diventando sempre più importante. Ciò è spiegato dal fatto che le emissioni delle imprese industriali creano un aumento del carico sull'immunità umana. Un ambiente sfavorevole non solo provoca esasperazioni della dermatite atopica, ma può anche partecipare al suo sviluppo iniziale.

I fattori di rischio sono anche le condizioni di vita, ovvero la temperatura e l'umidità della stanza in cui vive la persona. Pertanto, una temperatura di oltre 23 gradi e un'umidità inferiore al 60 percento influenzano negativamente la condizione della pelle. Tali condizioni di vita riducono la resistenza (resistenza) della pelle e innescano meccanismi immunitari. La situazione è aggravata dall'uso inefficiente di detergenti sintetici che possono entrare nel corpo umano attraverso le vie respiratorie. Sapone, gel doccia e altri prodotti per l'igiene sono fattori irritanti e contribuiscono alla comparsa di prurito.

Fasi di dermatite atopica

Nello sviluppo della dermatite atopica, è consuetudine distinguere diverse fasi. Queste fasi o fasi sono peculiari a determinati intervalli di età. Inoltre, ogni fase ha i suoi sintomi.

Le fasi dello sviluppo della dermatite atopica sono:

  • fase infantile;
  • fase dei bambini;
  • fase adulta.

Poiché la pelle è un organo del sistema immunitario, queste fasi sono considerate come caratteristiche della risposta immunitaria in diversi periodi di età.

Fase infantile della dermatite atopica

Questa fase si sviluppa all'età di 3 - 5 mesi, raramente a 2 mesi. Questo primo sviluppo della malattia è spiegato dal fatto che, a partire da 2 mesi, il tessuto linfoide inizia a funzionare nel bambino. Poiché questo tessuto corporeo è un rappresentante del sistema immunitario, il suo funzionamento è associato all'insorgere della dermatite atopica.

Le lesioni cutanee nella fase infantile della dermatite atopica sono diverse dalle altre fasi. Quindi, in questo periodo è caratterizzato dallo sviluppo di eczema umido. Sulla pelle appaiono placche piangenti rosse, che rapidamente si ricoprono di croste. In parallelo con loro appaiono papule, vescicole e elementi urtikarny. Inizialmente, l'eruzione cutanea è localizzata nella pelle delle guance e della fronte, senza intaccare il triangolo naso-labiale. Inoltre, i cambiamenti della pelle interessano la superficie delle spalle, degli avambracci, delle superfici estensori della gamba. Spesso colpisce la pelle dei glutei e delle cosce. Il pericolo in questa fase è che l'infezione possa unirsi molto rapidamente. La dermatite atopica nella fase infantile è caratterizzata da esacerbazioni periodiche. Le remissioni, di regola, sono brevi. La malattia è esacerbata dalla dentizione, dal più piccolo disturbo intestinale o da un raffreddore. La guarigione spontanea è rara. Di norma, la malattia entra nella fase successiva.

Fase pediatrica della dermatite atopica
La fase dei bambini è caratterizzata da un'infiammazione cronica della pelle. In questa fase è caratterizzato dallo sviluppo di papule follicolari e foci lichenoidi. L'eruzione colpisce spesso l'area del gomito e le pieghe poplitee. L'eruzione colpisce anche le superfici di flessione delle articolazioni carpali. Oltre alle eruzioni cutanee tipiche della dermatite atopica, in questa fase si sviluppa anche la cosiddetta discromia. Appaiono come lesioni squamose di un colore marrone.

Il decorso della dermatite atopica in questa fase è anche ondulato con esacerbazioni periodiche. Le esacerbazioni si verificano in risposta a vari fattori ambientali provocatori. La relazione con gli allergeni alimentari in questo periodo è ridotta, ma vi è una maggiore sensibilizzazione (sensibilità) agli allergeni dei pollini.

Dermatite atopica in fase adulta
La fase adulta della dermatite atopica coincide con la pubertà. Questo stadio è caratterizzato dall'assenza di elementi piangenti (eczematosi) e dalla predominanza dei fuochi lichenoidi. La componente eczematosa è attaccata solo durante i periodi di esacerbazione. La pelle diventa secca, compaiono eruzioni infiltrate. La differenza in questo periodo è il cambiamento nella localizzazione delle lesioni. Quindi, se nel periodo dell'infanzia l'eruzione predomina nell'area della piega e raramente colpisce il viso, allora nella fase adulta della dermatite atopica migra verso la pelle del viso e del collo. Sulla faccia, il triangolo naso-labiale diventa l'area interessata, che non è anche caratteristica delle fasi precedenti. Inoltre, l'eruzione può coprire le mani, parte superiore del corpo. In questo periodo, anche la stagionalità della malattia è minima. In generale, la dermatite atopica è esacerbata se esposta a vari stimoli.

Dermatite atopica nei bambini

La dermatite atopica è una malattia che inizia nell'infanzia. I primi sintomi della malattia compaiono entro 2 - 3 mesi. È importante sapere che la dermatite atopica non si sviluppa in un periodo fino a 2 mesi. Quasi tutti i bambini con dermatite atopica hanno un'allergia polivalente. Il termine "polivalente" significa che allo stesso tempo un'allergia si sviluppa in diversi allergeni. Gli allergeni più comuni sono cibo, polvere, allergeni domestici.

I primi sintomi della dermatite atopica nei bambini sono il dermatite da pannolino. Inizialmente, appaiono sotto le ascelle, le pieghe glutei, dietro le orecchie e in altri luoghi. Nella fase iniziale, il pannolino si presenta come una pelle arrossata, leggermente gonfia. Tuttavia, entrano molto rapidamente nella fase delle ferite piangenti. Le ferite non guariscono da molto tempo e sono spesso ricoperte da croste umide. Presto, anche la pelle delle guance del bambino diventa opalescente e arrossata. La pelle delle guance inizia a staccarsi molto velocemente e diventa difficile. Un altro sintomo diagnostico importante sono le croste di latte, che si formano sulle sopracciglia e sul cuoio capelluto del bambino. A partire dall'età di 2 - 3 mesi, questi sintomi raggiungono il loro massimo sviluppo di 6 mesi. Nel primo anno di vita, la dermatite atopica è praticamente senza remissione. In rari casi, la dermatite atopica inizia all'età di un anno. In questo caso, raggiunge il massimo sviluppo per 3 - 4 anni.

Dermatite atopica nei neonati

Nei bambini del primo anno di vita, cioè nei neonati, ci sono due tipi di dermatite atopica - seborroica e nummulare. Il tipo seborroico più comune di dermatite atopica, che inizia a comparire da 8 a 9 settimane di vita. È caratterizzato dalla formazione di piccole squame giallastre nella zona del cuoio capelluto. Allo stesso tempo, nell'area delle pieghe del bambino, vengono rilevate ferite di guarigione piangenti e difficili. Il tipo seborroico di dermatite atopica è anche chiamato dermatite delle pieghe della pelle. Quando si unisce l'infezione si sviluppa una tale complicazione come eritroderma. In questo caso, la pelle del viso, del torace e degli arti del bambino diventa rosso vivo. L'eritroderma è accompagnato da un forte prurito e il bambino diventa irrequieto e piange costantemente. Ben presto, l'iperemia (arrossamento della pelle) assume un carattere generalizzato. L'intera pelle del bambino diventa marrone e coperta con grandi scaglie di placca.

Il tipo nummulare di dermatite atopica è meno comune e si sviluppa all'età di 4-6 mesi. È caratterizzato dalla presenza di elementi cutanei chiari ricoperti di croste. Questi elementi sono localizzati principalmente sulle guance, glutei, arti. Come il primo tipo di dermatite atopica, anche questa forma viene spesso trasformata in eritroderma.

Lo sviluppo della dermatite atopica nei bambini

Dermatite atopica negli adulti

Di norma, dopo la pubertà, la dermatite atopica può assumere una forma abortiva, cioè scomparire. Man mano che invecchiano, le esacerbazioni sono sempre meno comuni e le remissioni possono trascinarsi per diversi anni. Tuttavia, un forte fattore traumatico può di nuovo provocare una esacerbazione della dermatite atopica. Un tale fattore può essere una grave malattia somatica (corporea), stress sul lavoro, problemi familiari. Tuttavia, secondo la maggior parte degli autori, la dermatite atopica in soggetti di età superiore ai 30-40 anni è un fenomeno molto raro.

La frequenza di insorgenza di dermatite atopica in diversi gruppi di età

I sintomi della dermatite atopica

Il quadro clinico della dermatite atopica è molto vario. I sintomi dipendono dall'età, dal sesso, dalle condizioni ambientali e, soprattutto, dalle malattie concomitanti. Le esacerbazioni della dermatite atopica coincidono con determinati periodi di età.

I periodi di età di esacerbazione della dermatite atopica includono:

  • torace e prima infanzia (fino a 3 anni) - questo è il periodo delle esacerbazioni massime;
  • età 7 - 8 anni - associato con l'inizio del lavoro scolastico;
  • età 12-14 anni - pubertà, esacerbazione a causa di numerosi cambiamenti metabolici nel corpo;
  • 30 anni - il più delle volte nelle donne.
Inoltre, le esacerbazioni sono spesso limitate ai cambiamenti stagionali (primavera-autunno), al momento della gravidanza, allo stress. Quasi tutti gli autori annotano un periodo di remissione (malattia ridotta) nei mesi estivi. Esacerbazioni nel periodo primaverile-estivo si riscontrano solo nei casi in cui la dermatite atopica si sviluppa sullo sfondo di pollinosi o atopia respiratoria.

I sintomi caratteristici della dermatite atopica sono:

  • prurito;
  • rash cutaneo;
  • secchezza e desquamazione.


Prurito per dermatite atopica

Il prurito è un sintomo intrinseco della dermatite atopica. Inoltre, può essere mantenuto anche quando non ci sono altri segni visibili di dermatite. Le cause del prurito non sono completamente comprese. Si ritiene che si sviluppi a causa della pelle troppo secca. Tuttavia, questo non spiega completamente le ragioni di un tale intenso prurito.

Le caratteristiche del prurito per la dermatite atopica sono:

  • consistenza - il prurito è presente anche quando non ci sono altri sintomi;
  • intensità - prurito è molto pronunciato e persistente;
  • perseveranza - il prurito risponde debolmente ai farmaci;
  • prurito aumentato di sera e di notte;
  • accompagnato da graffi.
Persistente (costantemente presente) per lungo tempo, il prurito causa grande sofferenza ai pazienti. Col passare del tempo diventa la causa dell'insonnia e del disagio psico-emotivo. Inoltre peggiora le condizioni generali e porta allo sviluppo della sindrome astenica.

Pelle secca e traballante con dermatite atopica

Che aspetto ha la pelle nella dermatite atopica?

Come la pelle assomiglia alla dermatite atopica dipende dalla forma della malattia. Nelle fasi iniziali della malattia, la forma eritematosa con lichenificazione è più comune. La lichenificazione è il processo di ispessimento della pelle, che è caratterizzato da un aumento del suo pattern e un aumento della pigmentazione. Con la forma eritematosa della dermatite atopica, la pelle diventa secca e ispessita. È ricoperto da numerose croste e squame piccole. In gran numero, queste scale si trovano sulle curve del gomito, le superfici laterali del collo e le fosse poplitee. Nella fase infantile e infantile, la pelle appare edematosa, iperemica (arrossata). Con una forma lichenoide pura, la pelle si distingue per un aspetto della pelle ancora più secco, gonfiore e pronunciato. L'eruzione è rappresentata da papule lucenti, che si confondono al centro e rimangono solo in periferia in una piccola quantità. Questi papuli si coprono molto rapidamente con piccole squame. A causa di dolorosi pruriti, graffi, abrasioni ed erosione rimangono spesso sulla pelle. Separatamente, focolai di lichenificazione (pelle ispessita) sono localizzati nella parte superiore del torace, schiena, collo.

Nella forma eczematosa della dermatite atopica, l'eruzione cutanea è limitata. Sono rappresentati da piccole bolle, papule, croste, crepe, che a loro volta si trovano sulle aree scagliose della pelle. Tali aree limitate si trovano sulle mani, nelle pieghe poplitee e del gomito. Con la forma prruigopodobnoy di dermatite atopica, eruzioni cutanee colpiscono principalmente la pelle del viso. Oltre alle suddette forme di dermatite atopica, esistono anche forme atipiche. Questi includono la dermatite atopica "invisibile" e la forma urticarica della dermatite atopica. Nel primo caso, l'unico sintomo della malattia è il prurito intenso. Sulla pelle ci sono solo tracce di graffi e l'eruzione visibile non viene rilevata.

E con l'esacerbazione della malattia e durante la remissione, la pelle di un paziente con dermatite atopica è secca e traballante. Nel 2-5% dei casi, si nota ittiosi, che è caratterizzata dalla presenza di numerose piccole scale. Nel 10 - 20 percento dei casi, i pazienti hanno un aumento della piegatura (iperlinearità) dei palmi delle mani. La pelle del corpo è ricoperta di papule biancastre e lucenti. Sulle superfici laterali delle spalle, queste papule sono ricoperte da squame cornee. Con l'età, vi è un aumento della pigmentazione della pelle. Le macchie di pigmento, di norma, sono colori non uniformi e si distinguono per i loro diversi colori. La pigmentazione della maglia in combinazione con un aumento della piegatura può essere localizzata sulla superficie anteriore del collo. Questo fenomeno dà al collo uno sguardo sporco (un sintomo "collo sporco").

Sul viso nell'area delle guance in pazienti con dermatite atopica appaiono spesso macchie biancastre. In remissione, un sintomo di una malattia può essere la cheilite, la glassa cronica, le crepe nelle labbra. Un segno indiretto di dermatite atopica può essere un tono della pelle terrosa, pelle chiara, scurimento periorbitale (occhiaie intorno agli occhi).

Dermatite atopica sul viso

Non si trovano sempre manifestazioni di dermatite atopica sulla pelle del viso. I cambiamenti della pelle colpiscono la pelle nella forma eczematosa della dermatite atopica. In questo caso si sviluppa l'eritroderma, che nei bambini piccoli colpisce principalmente le guance, e negli adulti anche il triangolo naso-labiale. I bambini piccoli sviluppano la cosiddetta "fioritura" sulle guance. La pelle diventa rosso vivo, edematosa, spesso con numerose fessurazioni. Crepe e ferite piangenti si ricoprono rapidamente di croste giallastre. L'area del triangolo naso-labiale nei bambini rimane intatta.

Negli adulti, i cambiamenti sulla pelle del viso sono diversi. La pelle assume una tonalità terrosa, diventa pallida. Macchie appaiono sulle guance dei pazienti. In remissione, un segno di malattia può essere la cheilite (infiammazione del bordo rosso delle labbra).

Diagnosi di dermatite atopica

Visita medica per atopico

Il medico inizia l'esame con la pelle del paziente. È importante esaminare non solo le aree visibili della lesione, ma anche l'intera pelle. Spesso gli elementi dell'eruzione sono mascherati nelle pieghe, sotto le ginocchia, sui gomiti. Successivamente, un dermatologo valuta la natura dell'eruzione, vale a dire la posizione, il numero di elementi dell'eruzione, il colore e così via.

I criteri diagnostici per la dermatite atopica sono:

  • Il prurito è un segno obbligatorio (grave) di dermatite atopica.
  • Eruzioni cutanee - carattere e età sono considerati, quando sono comparse le prime eruzioni cutanee. Per i bambini, lo sviluppo dell'eritema nelle guance e nella parte superiore del corpo è caratteristico, mentre negli adulti predominano i focolai di lichenificazione (ispessimento della pelle, disturbi della pigmentazione). Anche dopo l'adolescenza cominciano ad apparire papule isolate dense.
  • Decorso ricorrente (ondulato) della malattia - con esacerbazioni periodiche nel periodo primaverile e autunnale e remissioni in estate.
  • La presenza di una concomitante malattia atopica (ad es. Asma atopica, rinite allergica) è un ulteriore criterio diagnostico a favore della dermatite atopica.
  • La presenza di una patologia simile tra i membri della famiglia, cioè la natura ereditaria della malattia.
  • Aumento della secchezza della pelle (xerodermia).
  • Rafforzare il modello sui palmi (palme atopiche).
Questi sintomi sono i più comuni nella clinica della dermatite atopica.
Tuttavia, ci sono anche ulteriori criteri diagnostici che supportano anche questa malattia.

Ulteriori segni di dermatite atopica sono:

  • frequenti infezioni della pelle (ad esempio, stafiloclassi);
  • congiuntivite ricorrente;
  • cheilite (infiammazione delle labbra mucose);
  • oscuramento della pelle intorno agli occhi;
  • aumento del pallore o, al contrario, eritema (arrossamento) del viso;
  • aumento della piegatura della pelle del collo;
  • sintomo di un collo sporco;
  • reazione allergica ai farmaci;
  • colpi periodici;
  • linguaggio geografico.

Test per la dermatite atopica

Una diagnosi oggettiva (cioè un'ispezione) della dermatite atopica è completata anche dai dati di laboratorio.

I segni di laboratorio della dermatite atopica sono:

  • concentrazione elevata di eosinofili nel sangue (eosinofilia);
  • la presenza nel siero di anticorpi specifici a vari allergeni (ad esempio, polline, alcuni prodotti alimentari);
  • diminuzione del livello dei linfociti CD3;
  • diminuzione dell'indice CD3 / CD8;
  • diminuita attività fagocitaria.
Questi test di laboratorio dovrebbero essere supportati anche da test allergologici cutanei.

Severità della dermatite atopica

Spesso, la dermatite atopica è associata a danni ad altri organi sotto forma di sindrome atopica. La sindrome atopica è la presenza di più patologie contemporaneamente, ad esempio, dermatite atopica e asma bronchiale o dermatite atopica e patologia intestinale. Questa sindrome è sempre molto più grave della dermatite atopica isolata. Al fine di valutare la gravità della sindrome atopica, il gruppo di lavoro europeo ha sviluppato la scala SCORAD (Scoring Atopic Dermatitis). Questa scala combina i criteri oggettivi (segni visibili di un medico) e soggettivi (mostrati dal paziente) per la dermatite atopica. Il principale vantaggio dell'uso della scala è la capacità di valutare l'efficacia del trattamento.

La scala fornisce un punteggio di sei sintomi oggettivi - eritema (arrossamento), gonfiore, croste / squame, escoriazione / graffi, lichenificazione / peeling e pelle secca.
L'intensità di ciascuna di queste funzionalità è stimata su una scala a 4 punti:

  • 0 - assenza;
  • 1 - debole;
  • 2 - moderato;
  • 3 - forte.
Riassumendo questi punti, calcola il grado di attività della dermatite atopica.

I gradi di attività della dermatite atopica comprendono:

  • Il massimo grado di attività è equivalente all'eritroderma atopico o ad un processo comune. L'intensità del processo atopico è più pronunciata nella prima età della malattia.
  • Un alto grado di attività è determinato da lesioni cutanee comuni.
  • Un moderato grado di attività è caratterizzato da un processo infiammatorio cronico, spesso di natura localizzata.
  • Il grado minimo di attività comprende lesioni cutanee localizzate - nei bambini, questi sono focolai eritematosi-squamosi sulle guance, e negli adulti, localmente (per le labbra) lichenificazione e / o lesioni lichenoidi limitate nel gomito e pieghe poplitee.

Articoli Su Depilazione